AUDIO LINK STUDIO

NOMADI: UN DIGICO S31 PER IL NUOVO DISCO

I Nomadi sono un gruppo a dir poco "mitico" e da sempre molto prolifico, sia dal vivo che in studio. L'ultimo disco, "Solo esseri umani (Valori Amore Vita)" uscito il 23 aprile è stato registrato e mixato da Atos Travaglini e Massimo Vecchi presso lo studio "Segnali Caotici" di Reggio Emilia con un mixer DiGiCo S31 acquistato, su consiglio dello stesso Atos, dallo studio in cui si sono fatte riprese e mixaggio.

 

Abbiamo raggiunto Atos per farci spiegare la sua esperienza.

 

 

Audiolink: ciao Atos, raccontaci dell'esperienza che hai avuto nel lavorare con questo Mixer.

 

Atos Travaglini: è una tipologia di mixer che conosco molto bene, avendo usato DiGiCo nell'ultimo tour dei Nomadi ed in studio mi sono trovato molto bene fin da subito.

A ben vedere la politica di DiGiCo è sempre stata quella che: "se una cosa la puoi pensare, la puoi anche fare" e proprio per questo non ho avuto nessuna difficoltà a "trasformare" un mixer pensato principalmente per il live in una regia da studio. 

Una delle prime prove che ho fatto è stata quella di confrontare i preamplificatori del banco con alcuni di quelli che avevo in studio, sia valvolari che a stato solido. 

Il verdetto è stato chiaro, anche se non così scontato, e alla fine ho optato per utilizzare solo i pre DiGiCo, superiori per trasparenza e dinamica.

Anche i musicisti hanno notato un'ottima qualità degli ascolti durante la ripresa. 

 

Audiolink: come mai hai optato proprio per questo modello?

 

Atos Travaglini: come prima cosa volevo avere un mixer "fisico" anche in studio, perché ho la necessità di utilizzare fader e controlli fisici, non amo molto lavorare con mouse e computer. Fatta questa premessa ho pensato di rivolgermi al mondo DiGiCo che offre un sistema molto veloce anche nelle operazioni più complesse unitamente ad una proverbiale qualità del suono. 

Non ultimo il budget. Infatti la serie S ha un rapporto qualità/prezzo eccellente che non offre nessun altro mixer in quella fascia di prezzo. Ho poi scoperto, confrontandomi con alcuni colleghi, che non sono l'unico ad usare DiGiCo anche in studio...

 

Audiolink: puoi parlarci di come hai allestito il tuo setup?

 

Atos Travaglini: sostanzialmente ho collegato il mixer al Mac su cui ho installato Logico Pro X tramite UB-Madi del banco, riconosciuta immediatamente e senza dover perdere tempo sulle impostazioni audio di Logic.

Il sistema, seppur nella sua semplicità, si è rivelato estremamente performante e stabile, anche in fatto di latenza del sistema che non è mai stata percepita come eccessiva dai musicisti. 

I preamp onboard dell'S31 sono stati indirizzati sui primi 24 canali del banco e con un direct out post fader verso l'UB-madi. I successivi 24 sono stati impostati in stereo e utilizzati come ritorno della Daw, di fatto utilizzando l'S31 anche come sommatore. 

Sulle uscite fisiche sono stati collegate 3 coppie di monitor per gli ascolti in regia, le restanti 6 uscite sono state utilizzate come feed ad un sistema di personal mix in sala di ripresa. 

Infine gli in/out AES/EBU li ho riservati al collegamento dell'outboard esterno. 

Tramite i control group, i mute group e le matrici del sistema S, mi sono infine costruito una interfaccia di control room. 

Va detto che durante la fase di editing e mix ho anche usato con soddisfazione il processing DiGiCo, soprattutto la room per le batterie e il compressore multibanda. 

Siamo tutti molto soddisfatti del risultato e devo dire che S31 mi ha permesso di ottenere con estrema facilità e immediatezza i risultati che avevamo deciso in fase di arrangiamento.